#IORESTOACASA A VIVERE IL VILLAGGIO EDUCANTE

Un progetto, nella definizione che ne da Wikipedia, consiste, in senso generale, nell’organizzazione di azioni nel tempo per il perseguimento di uno scopo predefinito, attraverso le varie fasi di progettazione. Scopo finale è la realizzazione di un bene o di un servizio. In definitiva, nel caso che gli obiettivi assegnati siano sufficientemente impegnativi e/o critici, per garantire il successo del progetto è necessario disporre di risorse umane adeguate in termini qualitativi e quantitativi, ma anche tecniche e finanziarie, nonché di chiarezza riguardo ai seguenti aspetti: contesto, obiettivi, responsabilità, tempo, costo e qualità. 

Il costo e il tempo sono ovviamente, come tutti gli altri, fattori determinanti che per lo più dipendono da una corretta gestione e organizzazione, oltre a una buona capacità di lettura, interpretazione e rimodulazione di tutte le fasi progettuali laddove accade che risultati inattesi si siano realizzati e gli obiettivi sperati non sono invece stati totalmente raggiunti.

L’anno 2020 si era aperto per il progetto Duc in Altum a gonfie vele, con tante iniziative in cantiere, nuove collaborazioni, tante idee, un pamphlet di eventi e opportunità veramente ricco per più fasce d’età: tanto sudore e tanto impegno ma anche una grandissima soddisfazione nel varcare porte che si stavano aprendo l’una dietro l’altra. Dal 2 marzo a giugno ci aspettava: il convegno con Alberto Pellai, EDUCARE IN UN TEMPO CONFUSO; tre TEENS WEEK (settimane educative territoriali per ragazzi delle scuole secondarie di I grado) di seguito con le classi seconde dell’Istituto Comprensivo Pg 1, due FIRST STEP (settimane educative territoriali per ragazzi delle scuole secondarie di II grado), in collaborazione anche con il Tribunale dei Minori e, nel contempo, tutta la programmazione estiva e autunnale scandita tra Perugia e Città della Pieve.

Tutto si è fermato, sospeso, chiuso. Nessuno di noi può sapere se e quando ripartirà. A noi chiaramente sta solo prendere atto, seguire in maniera diligente e responsabile le linee guida dei decreti ed essere a servizio, proprio come per nostra stessa natura associativa ci viene richiesto. Chiaro è che purtroppo, in questo frangente, il costo e il tempo non sono più fattori così facilmente controllabili e gestibili se non nell’opportunità di rimodulare ancora ovviamente ma solo quando tutto avrà ripreso il normale corso degli eventi. Nel frattempo allora? Il Villaggio chiude? La segreteria si ferma? L’equipe formativa si scioglie? NO, ASSOLUTAMENTE NO

IL VILLAGGIO EDUCANTE SI MUOVE NELL’ETERE E VA A FARE COMPAGNIA A TUTTE LE FAMIGLIE GIA’ CONOSCIUTE E QUELLE ANCORA DA CONOSCERE….

Subito prima del 24 febbraio, la data in cui abbiamo dovuto necessariamente fermare tutte le attività, avevamo preparato già le liste broadcast con cui gestire la comunicazione con tutti i genitori delle classi II delle scuole secondarie di I grado dell’Istituto Comprensivo Pg 1 e avevamo ovviamente archiviato tutte le liste delle classi III già conosciute. Le abbiamo riprese e da oggi la FRECCIA QUOTIDIANA proporrà ai genitori tante possibili attività, iniziative, occasioni e opportunità da vivere in famiglia nel rispetto del tempo dedicato ai compiti e a tutti i nostri doveri e impegni familiari. Saranno tutte raccolte nella sezione LA FRECCIA QUOTIDIANA del nostro sito internet e con esse potrete “contaminare” positivamente tutti coloro che vorrete. Diciamo che apriamo oggi una grande BIBLIOTECA VIRTUALE, fatta di suggerimenti, link, video, libri, insomma, fatta di tanti input per arricchire la relazione educativa con i nostri figli e non solo e non tanto in questo tempo di chiusura forzata, perchè sarebbe oltremodo riduttivo; ma soprattutto per il tempo della normalità che presto tornerà e nel quale, tutti noi genitori, soprattutto, ma anche tutti noi maestri, educatori, animatori e quant’altro, saremo chiamati alla fedeltà di tutte quelle buone prassi attivate in questi giorni !!!!

Uno spazio speciale, in PRIMO PIANO, è per i protagonisti del nostro progetto: i ragazzi. Il loro talento, tra tutti quelli di cui sono archiviati testi, articoli, racconti, libri, invenzioni ed esperimenti, è e deve rimanere in primo piano. Per questo i ragazzi potranno inviarci via mail (ducinaltum.villaggioeducante@gmail.com) oppure su whatsapp (al 3886246848) tutto quello che gli piacerà condividere e che sia utile a tutti: dalla piccola recensione di un libro a un video-tutorial in lingua, da un esperimento scientifico a una ricetta di cucina, da un audio musicale di propria composizione a consiglio utile, da esercizi di ginnastica da fare in casa a una gara di raccolta asparagi da improvvisare lontani ma vicini. Tutto è assolutamente gradito.

La grande ricchezza del tempo che oggi gratuitamente abbiamo, frutterà nei bambini, ragazzi e nei giovani, tanto quanto sapremo garantirla nel frastuono della normalità che presto rivivremo!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *