DUC IN ALTUM: LE RICETTE DEL VILLAGGIO : UN PRATO DI BISCOTTI

Ingredienti:

  • 250 g zucchero velo o semolato
  • 250 g burro
  • 1 baccello di vaniglia ( facoltativo)
  • 1/2 scorza di limone grattugiata
  • un pizzico di sale
  • 1 uovo intero
  • 1 tuorlo
  • 500 g di farina di grano tenero 00
  • per il ripieno dei biscotti confettura a volontà o crema di nocciole spalmabile

Preparare la pasta frolla: se utilizzate l’impastatrice potete aggiungere gli ingredienti secondo l’ordine sopra riportato; se impastate a mano potete partire dalla fontana di farina e aggiungere al centro gli ingredienti umidi e intorno i solidi. Ognuno utilizzi il sistema di sua preferenza fino ad arrivare ad un panetto morbido, elastico ma non appiccicoso sulle mani. Lasciar riposare in frigo per una notte, avvolto nella pellicola. L’impasto può essere fatto anche con maggiore anticipo e lasciato in frigo fino a una decina di giorni.

 

La frolla, dopo aver riposato in frigo, può essere messa sul piano di lavoro e stesa fino all’altezza di vostra preferenza (al massimo 6/7 mm), da cui poi dipenderà il tempo di cottura. Tanto più uniforme sarà l’altezza e lo spessore dei bistocchi, più simili le forme e più equa la distanza tra loro sul piatto del forme, quanto più uniforme sarà la cottura. Prima di infornare preriscaldare il forno a 160° in forno ventilato e 170° in forno statico.

Una volta preparati i biscotti e messi sulla teglia del forno ecco la sorpresa, “rubata con gli occhi” al pasticcere per eccellenza Iginio Massari (nella diretta fb del 16 marzo, che volendo potete andare a ricercare): cospargere tutti i biscotti di zucchero a velo setacciato fino a ricoprirli completamente (1/2 mm). Importante: setacciare bene lo zucchero a velo perchè i grumi in cottura rischierebbero di non sciogliersi del tutto lasciando in superficie delle difformità.

Cuocere dai 10 ai 15 minuti al massimo: questo dipende dal forno di ciascuno. Se usate il forno ventilato la temperatura non deve assolutamente superare i 170°, meglio 160°. Con il forno statico di media 10° in più. Appena notate che iniziano a cambiare colore è assolutamente ora di sfornarli, anzi, andrebbero sfornati un secondo prima di iniziare ad abbronzarsi!!!!

 

Sulle forme e le tipologie dei biscotti possiamo sbizzarrirci e mettere in campo tutta la nostra creatività:

– i biscotti originali della ricetta prevedevano la confettura posizionata al centro del biscotto prima di andare in forno e prima che il biscotto venisse cosparso di zucchero a velo;

– la variante DUC IN ALTUM invece è stata fatta prendendo ispirazione dai biscotti OCCHIO DI BUE, con l’alternativa forma a fiore, percui i biscotti sono stati infornati senza ripieno e una volta sfornati e fatti riposare qualche minuto, abbiamo posizionato la confettura sul biscotto intero e poi lo abbiamo assemblato con quello forato al centro.

Che dire? Buon lavoro…. e fateci conoscere tutte le varianti che nasceranno dalla vostra creatività!!!!