DUC IN ALTUM: “LA NOSTRA PARTITA” Il Coronavirus spiegato ai bambini

“Tireremo un calcio anche al virus e vinceremo noi”

Un piccolo libro per raccontare ai bambini attraverso la metafora del calcio come affrontare e battere il coronavirus. Si chiama “La nostra partita” ed è un volume realizzato dal giornalista di Sky Sport Marco Cattaneo, in collaborazione con l’agenzia letteraria Book on a Tree, per raccontare ai più piccoli, attraverso la metafora del calcio, come tutti insieme possiamo sconfiggere il coronavirus. Con tanti giochi e attività per divertirsi restando a casa per bambini dai 5 anni in su.

Quella contro il coronavirus è una partita strana: non l’avremmo mai voluta giocare e non sappiamo quanto durerà. L’avversario è forte e aggressivo, e per batterlo servono sacrifici, determinazione e coraggio. Ma dare un calcio al virus è possibile. Basta combattere uniti e seguire le regole, proprio come una grande squadra. Finchè non “torneremo ad abbracciarci, uno stadio intero, un pianeta intero

 “La nostra partita”è scaricabile gratuitamente come e-book sulle piattaforme digitali Google, Apple, Kobo e Amazon:

AMAZON (scarica qui)

KOBO (scarica qui)

GOOGLE (scarica qui)

APPLE (scarica qui)

Marco Cattaneo è un giornalista sportivo. È conduttore e telecronista per Sky Sport, in passato ha condotto programmi di calcio per bambini su Disney Channel. È coautore con Alessandro Costacurta della serie di libri sul calcio per bambini “Zio Billy e i suoi amici”, pubblicati da Salani:

Il calcio e lo scolapasta

Il calcio e la bicicletta scomparsa

 

Marco Cattaneo tornerà a maggio in libreria per Rizzoli con “Sfidare il cielo- Le 24 partite che hanno fatto la storia”. La storia dell’Europa dal 1870 a oggi, raccontata con umorismo e passione attraverso 24 partite di calcio. Come spiega ai suoi studenti il professor Osvaldo, nel primo di questi racconti, “la storia del calcio è importante: conoscerla significa conoscere molto altro, del mondo e della vita”. E soprattutto del luogo in cui questo sport e tutti noi siamo nati: l’Europa. Un continente e molto di più, il cuore della nostra cultura, di ciò che siamo.
E di vicende, di personaggi, di emozioni da raccontare, in più di un secolo di Storia del calcio e dell’Europa, ce ne sono tanti. C’è l’entusiasmo di Edoardo Bosio, che nel 1877 tornò dall’Inghilterra innamorato del football e decise di fondare la prima squadra italiana, a Torino. E poi il genio di Frederick Pentland, l’inglese trapiantato in Spagna che alla fine degli anni Venti rivoluzionò il modo di giocare dell’epoca, sperimentando tra i primi il “tiqui taca”. Ci sono il coraggio e l’orgoglio dell’austriaco Matthias Sindelar e dei giocatori ucraini dell’FC Start che, durante l’occupazione nazista, osarono sfidare gli uomini di Hitler, pagando con la vita. C’è la paura per la bomba lanciata in campo, e per fortuna mai esplosa, durante la partita Verona-Juventus, quando l’Italia attraversava i sanguinosi anni di piombo. Ci sono le rivincite e i risultati della lotta ai pregiudizi razziali, ottenuti dalla multietnica nazionale francese che vinse la coppa del mondo nel 1998 o con le lunghe battaglie di Nelson Mandela, che dobbiamo ringraziare anche  per il primo mondiale organizzato in Africa, nel 2010.Ma ci sono pure le persone comuni: Espelancia, Simon, Jack, Andrea, Jussi, Luc… Giovani tifosi di ieri di oggi, arbitri e allenatori di piccole squadre, giocatori amatoriali, raccattapalle della domenica, che rappresentano un po’ tutti noi: donne, uomini e ragazzi di ogni angolo d’Europa, accomunati da un’unica grande passione, quella per lo sport del calcio.
Marco Cattaneo, mescolando realtà e un pizzico di fantasia, racconta ai ragazzi la storia del calcio e dell’Europa dal 1870 a oggi, attraverso ventiquattro partite indimenticabili.

 

Gli altri contributi come disegnatore, scrittore e giornalista in questo tempo sospeso che può darci l’illusione di toglierci tutto ma non può toglierci l’amore e la passione del bello e del buono…